Ferrante Gonzaga, condottiero imperiale di Carlo V, acquistò Guastalla nel 1549 e la rifondò come città ideale, caratterizzata da una croce centrale di strade concluse scenograficamente dalla facciata di una chiesa.

Arricchita dal palazzo ducale (pur rimaneggiato nei secoli), da uno straordinario bronzo di Leone Leoni, da una cattedrale cinquecentesca e da portici emiliani che si affacciano sull’acciottolato, la pregevole cittadina gonzaghesca conserva il fascino e il richiamo di piccola capitale.

Di qualità i servizi, il teatro e i negozi del centro.

Guastalla